Menu
Blog Web & Mobile

Google MUM: il nuovo algoritmo di Google succede a Google BERT!

Tempo di lettura stimato 5 minuti

 

Google MUM

 

Cos’è Google MUM?

All’ultimo evento Google I/O 2021, Google ha annunciato la nuova versione del suo algoritmo basato sull’intelligenza artificiale chiamato MUM per Multitask Unified Model .MUM succederà quindi all’algoritmo BERT lanciato nel 2019 di cui abbiamo parlato in un precedente articolo del nostro blog

 

Secondo Google, MUM sarebbe 1000 volte più potente di BERT e può lavorare in modalità multitasking. MUM è basato su un’architettura open source di Transformer (niente a che vedere con Bumblebee!). Per i più smanettoni, Transformer è una rete neurale ricorrente (vedi il nostro articolo sull’intelligenza artificiale e il Machine Learning) che permette di capire il contesto delle query senza che questo sia esplicitamente dato

 

Secondo Google,“Come BERT, MUM è costruito su un’architettura Transformer, ma è 1.000 volte più potente e può fare multitasking per identificare le informazioni in nuovi modi. MUM non solo capisce il linguaggio, ma lo genera anche. È addestrato in 75 lingue diverse e in molti compiti diversi contemporaneamente, permettendogli di sviluppare una comprensione più completa delle informazioni e della conoscenza del mondo rispetto ai modelli precedenti. E MUM è multimodale, il che significa che capisce le informazioni attraverso testo e immagini, e in futuro potrebbe espandersi ad altre modalità come video e audio. (…) Abbiamo già lanciato dei piloti interni con MUM e siamo entusiasti del suo potenziale per migliorare i prodotti di Google. “(Fonte Google Blog)

 

 

 

 

Google MUM è 1000 volte più potente dell’attuale algoritmo di Google Bert!

Basandosi sull’osservazione che ci vuole una media di otto interrogazioni per rispondere a certe ricerche, MUM permetterà di rispondere in modo pertinente alle interrogazioni complesse degli utenti di Internet, come quella data come esempio da Google“Ho fatto un’escursione sul Monte Adams e voglio fare un’escursione sul Monte Fuji il prossimo autunno, cosa devo fare diversamente per prepararmi? ” In query complesse come questa, si tratta di combinare entità, sentimenti e intenzioni per dare un senso a qualcosa. Le macchine hanno difficoltà a capire il linguaggio umano, ma i modelli linguistici come BERT e MUM ci si avvicinano.

 

MUM va ancora oltre elaborando il linguaggio e aggiungendo video e immagini, perché è multimodale, che secondo Google significa“può capire le informazioni da diversi formati contemporaneamente, come pagine web, foto e altro. Un giorno potresti scattare una foto dei tuoi scarponi da trekking e chiedere: “Posso usarli per scalare il Monte Fuji? MUM capirà l’immagine e la collegherà alla tua domanda per dirti che le tue scarpe sono perfette. Potrebbe poi indirizzarti a un blog con una lista di attrezzi raccomandati”.

 

 

Google MUM capisce 75 lingue e può generare contenuti per rispondervi

Questo permette di generare un risultato ricco che risponde alla query presentando un contenuto nuovo di zecca. MUM sarà persino integrato con Google Lens, così potrai puntare la tua fotocamera sui tuoi scarponi da trekking e chiedere se sono adatti per quell’escursione al Monte Fuji!

 

MUM è in grado di comprendere 75 lingue, di capire le informazioni presenti nei testi ma anche presto in immagini, audio o video! Il MUM sarà anche in grado di produrre contenuti per rendere questi risultati

 

L’algoritmo MUM di Google è ancora in fase di test e sarà distribuito gradualmente nei prossimi mesi e anni

 

Google si sta gradualmente muovendo verso un motore di ricerca basato interamente sull’AI (intelligenza artificiale). A proposito, si può ancora parlare di un “motore di ricerca” o è una “macchina di presentazione della conoscenza”?

 

 

LaMDA: una nuova tecnologia che permette la comunicazione con l’intelligenza artificiale

LaMDA, o modello linguistico per applicazioni di dialogo, è un’altra parte importante della presentazione di Google alla sua conferenza I/O 2021. È una nuova tecnologia che permette di comunicare con un’IA – come un chatbot per esempio – in modo molto più naturale. Può conversare in modo più fluido delle IA precedenti. I chatbot si confondono facilmente quando si cambia argomento nella conversazione o quando il contesto è ambiguo. Quando arriverà il test di Turing?

 

 

Intelligenza artificiale (AI) ed etica

Questi sviluppi dell’intelligenza artificiale di Google sollevano anche questioni etiche. Per esempio, se Google può effettivamente leggere, sentire e vedere contenuti in qualsiasi lingua e riconfezionarli in un nuovo formato – con contesto e contenuti generati dall’intelligenza artificiale – a chi appartengono?

 

E chi è responsabile del contenuto di questi risultati automatici? E che dire dei pregiudizi dell’IA? Bias ed etica sono argomenti molto importanti quando si parla di IA, e se vogliamo davvero andare verso un futuro alimentato dall’IA, dobbiamo essere sicuri della sua neutralità e affidabilità. Naturalmente, Google menziona specificamente il bias dell’AI nel suo post e continua ad addestrare il modello. Buone notizie, ma sono sufficienti?

Un projet de site web ?

 

Téléchargez notre livre blanc "Réussir son projet web" ! Au menu : comment rédiger son cahier charge web, quelles étapes de conception et de réalisation ? 

Je télécharge !

 

 

Démarrons votre projet